Loading

age-check-logo-new

Hai l’età per bere legalmente bevande alcoliche?

No Si

Molinari

Sambuca Extra, dal 1945

Civitavecchia 1945. Angelo Molinari, esperto liquorista, crea un prodotto di altissima qualità dal gusto inconfondibile: la Sambuca Extra. Un liquore dolce, forte e profumato. Una base di semi di anice stellato, zucchero, erbe e spezie di qualità altamente pregiata, sono gli ingredienti di una ricetta al 100% italiana e gelosamente custodita.
È nello stesso anno, infatti, che ha inizio la storia dell'azienda Molinari, piccolo opificio artigianale destinato a diventare un'istituzione in Italia e nel mondo. Basta poco tempo per far sì che la Sambuca Molinari Extra si diffonda tra i bar e i locali della Capitale.

Sono proprio Angelo e i suoi figli Marcello e Mafalda a suggerirla ai barman e ai ristoratori di via Veneto, che la iniziano a servire con qualche chicco di caffè al suo interno. Una miscela nuova, dal sapore unico ed estremamente riconoscibile, che diventa il drink al 100% italiano protagonista della Dolce Vita romana. Ma la Molinari, oltre a conquistare i tavoli più esclusivi, non tarda ad approdare sul piccolo schermo. È a partire dagli anni '60 infatti che slogan, spot e caroselli iniziano a raccontare il brand attraverso una brillante e coinvolgente comunicazione.

Bottiglia Molinari Extra
Carosello

Intanto l'azienda continua ad espandersi: nel 1959 e nel 1964 nascono i primi stabilimenti industriali e nel 1967 Antonio Molinari entra in azienda accanto ai fratelli Marcello e Mafalda. La richiesta aumenta e la Molinari risponde.

Nello stesso anno infatti, viene inaugurata la sede a Colfelice, uno stabilimento in grado di produrre 60.000 bottiglie al giorno.

Volti noti nel mondo dello spettacolo diventano testimonial di un liquore che così velocemente conquista gli italiani. È l'attore Carlo Giuffré la prima celebrità a prestare il suo volto al brand, seguito dalla top model Veruschka, icona della moda dell'epoca.

Non si dice Sambuca si dice Molinari

Ecco che la Molinari diventa regina indiscussa tra attori e celebrità, come anche tra la gente comune, nelle credenze di casa e nei bar.
La comunicazione continua, a passo veloce, e coinvolge personaggi come Folco Quilici, prestigiosa penna del giornalismo italiano, e Adriano Panatta, gloria del nostro tennis. La verve degli attori Paolo Stoppa e Rina Morelli, mostri sacri del teatro e del cinema nostrani, l'ironia dell'ineguagliabile Walter Chiari e la grazia dell'attrice americana Sydne Rome, renderanno la Molinari Extra una delle protagoniste del mondo della pubblicità degli anni '70.

Ma sono due i prodotti che il brand offre al pubblico: il primo, inimitabile e riconosciuto il tutto il mondo, è la Molinari Extra.
Il secondo, invece, è Molinari Caffè: un accordo perfetto nato da una tradizione tipicamente italiana, cioè il caffè, e l'anice di Sambuca Molinari. Un prodotto dal carattere deciso, perfetto da gustare dopo pranzo o dopo cena, come accompagnamento a un dolce o sul gelato.

Siamo ormai negli anni '80 e il marchio Molinari è ufficialmente una garanzia. Il suo gusto ha conquistato gli italiani e la comunicazione li ha convinti ancora di più. Basti pensare a slogan come "Occhio all'etichetta", "Non si dice Sambuca, si dice Molinari", "Ho un solo torto, non sono straniera" o a quella pronunciata da Walter Chiari in un celebre carosello: "Bere troppo fa male, bere male fa peggio. Bevi poco ma bene, bevi Sambuca Molinari".

Molinari 1980

È proprio con lo slogan "Bevi poco ma bene" che Molinari introduce il concetto del "bevi responsabilmente", tema a cui il brand tiene in particolar modo. L'invito infatti è a una degustazione lenta e moderata, che permetta di apprezzare i sapori e gli aromi che rendono la Molinari Extra unica ed inimitabile. Un consumo responsabile che ha l'obiettivo di accompagnare tradizioni, momenti di condivisione e piaceri quotidiani, restando lontano da tutte le circostanze che possono renderlo spiacevole o pericoloso.

Gli anni passano e la storia continua. Negli anni '90 infatti è il campione della Formula 1 Mario Andretti il nuovo volto Molinari, seguito poi da Dodo, personaggio dinoccolato ed esuberante, e Franco, il testimonial trasparente come la Molinari Extra, fino ad arrivare al più recente José Mourinho, allenatore particolarmente amato per la sua naturale schiettezza.

Viaggiare
Poltrona
Chalet
Biliardo
The transparent one
Trasparenti si nasce
3 motivi
Messaggio
Lo schema ideale

Siamo quindi nel secondo decennio degli anni 2000, quando il brand decide di iniziare un nuovo capitolo della sua storia.
Nel 2017, per la prima volta, Molinari rinnova il design della sua storica bottiglia. Linee più moderne ed eleganti, sono la reinterpretazione di un grande classico e permettono al brand di avvicinarsi ad un mondo più contemporaneo, più giovane e più dinamico.

Ad introdurre la nuova bottiglia sul mercato è una nuova comunicazione, dal tono del tutto inaspettato: sono infatti i gatti i nuovi protagonisti degli spot tv, con l'obiettivo di impersonare l'essenza e l'attitudine della Molinari che, affiancando la sua nuova premiumness alla capacità di sposare ogni occasione, riesce inevitabilmente ad essere riconosciuta e apprezzata da tutti.

Pausa rinfrescante
Un grande classico reinterpretato

A raccontare il cambiamento nel mondo del web è invece una campagna digital che coinvolge tre fra gli artisti più influenti della scena musicale italiana: Cosmo, Colapesce e Jolly Mare. Sono proprio loro infatti a prendere tra le mani un brano che ha segnato la loro vita e a reinterpretarlo, nel modo che più li rappresenta.

"Un classico diventa tale perché le persone ne sono colpite.
Lo condividono, condividono delle emozioni." – Cosmo

Una storia ricca di innovazione, italianità e valori quella della Sambuca Molinari. Una storia che senza i suoi ingredienti principali non sarebbe stata raccontata allo stesso modo. Sono infatti la passione, la cura e la condivisione gli elementi che, con l'attitudine che solo una famiglia può avere, hanno permesso alla Molinari Extra di conquistare in pochi anni il cuore e le tavole degli italiani.

Un prodotto che non solo rappresenta un'icona italiana per eccellenza, ma promuove le tradizioni del Bel paese rendendole contemporanee e alla portata di tutti, esportando il bello dell'Italia nel mondo.

È per questi motivi che nel 2018 Molinari conquista i canali mainstream con uno spot fresco, dinamico e decisamente italiano. Un vero e proprio inno a tutti quei difetti, quelle abitudini e quegli atteggiamenti esagerati degli italiani che rappresentano esattamente i motivi per cui il mondo li ama alla follia.

Too much